Recensione: Beauty and the Beast di Georgetown Palace Theatre | CTX Live Theatre

Recensione: Beauty and the Beast di Georgetown Palace Theatredi Michael Meigs

Kristin DeGroot and friend (foto: Vicki Ferguson Hitt)Mi sono attardato dopo la performance mattutina del sabato del Georgetown Palace di Beauty and the Beast, con l’intenzione di salutare Kristin DeGroot, la dolce soprano che suona Belle. Guardando l’emozione sul palco ben dopo la chiamata del sipario, sono stato trattato per una dimostrazione inequivocabile del perché questa produzione è in esecuzione forte e pieno per la sua più di sei settimane di corsa come annuale grande grande festa Stravaganza del Palazzo.

DeGroot era circondata dai suoi fan, una stampa di piccole ragazze con gli occhi scintillanti. Erano una folla ben educata, pazientemente a turno per l’opportunità di parlare con la stella, posare con lei e spesso per non ottenere un abbraccio entusiasta. È il tipo di adulazione che potresti vedere a Disney World quando i personaggi familiari di Disney tales ti accolgono e posano per le istantanee, un promemoria che lo zio Walt ei suoi successori hanno costruito un magico palazzo del mito nella coscienza americana, uno che non mostra segni di sbiadimento nella nostra attuale età di ansia. Le favole Disney assorbono e riflettono l’ottimismo americano, fungendo da specchio magico migliore di qualsiasi cosa tu stia andando a vedere sulle reti di notizie o su Facebook.

Belle è devota al suo caro vecchio e dolce papà lunatico, ed è coraggiosa e disinteressata fino al punto di rinunciare al mondo e offrirsi come ostaggio alla Bestia improvvisa e impaziente che vive nel castello maledetto. I primi primi secondi del gioco ci mostrano come ci è arrivato; la sua altezzosità come un bel principe lo ha colpito con una maledizione, trasformato in una bestia con tracce di lupo, toro e facocero. Non c’è da stupirsi che sia scontroso!

Le congratulazioni sono dovute al progettista senza nome del trucco per la Bestia; forse questo era Tamar Madrigal, accreditato per il costume.

il Tempo è in esecuzione nel castello incantato, segnato da petali che cadono dall’incantato di rose, e la famiglia fermi sono metamorphising in oggetti di uso domestico: santo Cogsworth (Curt Olson) è a metà dell’orologio, Jennifer Tucker come la Signora Potts è un affascinante lifesize teiera che sarei abbastanza a casa sotto le scale a Downton Abbey, e il suo bambino Chip (Katelyn Illig) è una tazza con un simpatico bambino di dimensioni volto. Creighton Moench è un Lumière vagamente accentato alla francese, che è diventato un candelabro con ceppi di candela un po ‘ sconcertanti invece delle mani.

(foto di Magdalee Zavala)

Ismael Soto III (foto di Andy Sharp) Il villaggio che Belle bookish lascia alle spalle è popolato da un proprio assortimento di gente divertente. Veramente bello e trim Phil Rodriguez è impettito Gaston, l ” egoista che leches dopo Belle e sarebbe probabilmente quarterback della squadra di calcio del villaggio. Buddy Novak interpreta il suo compagno comico strisciante LeFou (francese: The Fool), dando una performance vigorosamente comica con una lilt decisamente goofy. E il Palazzo riempie il palco con altre persone di tutte le età among tra i miei preferiti c’erano ‘Silly Girls’ Emily Niswonger, Katya Welch e Caliegh Wilson. C’è molto movimento e clown diretto da Ron Watson, danza di Vincent Sandoval e canto preparato dal direttore musicale David Sherline. La musica è preregistrata e gestita da Lannie Hilboldt attraverso un misterioso dispositivo “Orchextra”. Costumi di Ramona Haas di A Cut Above salto in vista con l’esagerazione stravagante dell’arte dei fumetti

Questi sono personaggi bidimensionali per la maggior parte, e non solo perché sono modellati su un film d’animazione. L’eccezione più evidente è la Bestia. Ismael Soto ci dà una creatura irsuta il cui cuore non è davvero cattivo; abbaia ma non morde finché i lupi non minacciano Belle. Il contrasto con il ragazzo di città Gaston è deliberato e ben realizzato, perché vediamo la Bestia sia desiderio e apprendimento. La sua trasformazione finale in un principe umano idoneo è sorprendente, acrobatica e impressionante for tanto più per quelli di noi che guardano da vicino chi ha visto Soto fidarsi di DeGroot per fissare gli scatti dell’imbracatura che stavano per sollevarlo in alto sopra il palco.

EXTRA

fare Clic su per visualizzare il programma di brani tratti dal Georgetown Palazzo di produzione della Disney la bella e la Bestia

la bella e la Bestia
da Walt Disney Studios
Georgetown Palace Theatre

per Tutta la settimana,
20 novembre – dicembre 30, 2015
Georgetown Palace Theatre
810 South Austin Avenue
Georgetown, TX, 78626

20 Novembre – 30 Dicembre 2015.
Venerdì 7: 30pm
Sabato 14: 00 e 7:30pm
Domenica 2: 00.
Spettacoli nei giorni feriali il dic. 17, 21-23 & 28-30.

Biglietti in vendita ora! Visita http://www.georgetownpalace.com/ per maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top