Hai detto “Beavcoon”?

“Posso solo Google per vedere se c’è una foto?”

Mi sono fermato nel momento, apprezzando quanto il mondo fosse cambiato da quando avevo 10 anni. Vuole Google per ulteriori informazioni. L’enciclopedia aveva ufficialmente fatto la strada del cavallo e del buggy.

Ha quindi raggiunto il mio laptop.

Ho messo la mia mano su di esso. “No, lascia fare a me.”

“Voglio vedere una foto di uno”, strillò.

“Ma penso che dovrei essere io a ricercare questa parola.”Inoltre, ero certo che non esistessero. O l’hanno fatto? Ho avuto un piccolo seme di dubbio, che si è seduto proprio accanto allo shock che mi sembra di provare sempre quando mi rendo conto che sto allevando bambini nell’era digitalizzata della disinformazione eccessiva. “Vedrò cosa trovo e ti dirò.”

Storia vera. Mi sono seduto lì al mio tavolo da cucina e Googled Beavcoons.

Ho imparato molto. Ho imparato che qualcuno con troppo tempo a disposizione ha creato una pagina Facebook per la creatura mitica e che Wikipedia una volta aveva una definizione, ma l’ha cancellata. Ho imparato che, no, non c’erano Beavcoons a West Hartford, o in qualsiasi altro luogo per quella materia.

Più spaventoso di tutti, ho imparato che per alcuni secondi, ho creduto in qualcosa di completamente falso, che è la più grande lezione che ho insegnato a mia figlia quel giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top