Ex-Aqua Blue riders ancora dovuto ‘migliaia’

I piloti e il personale del team Aqua Blue sono ancora dovuti “migliaia” sei mesi dopo che la squadra ha piegato mentre l’UCI continua a perseguire i sostenitori della squadra per contanti.

L’UCI detiene una garanzia bancaria per tutti i team WorldTour e Pro Continental a copertura della paga per i piloti e il personale in caso di team folding.

>>> Owain Doull:’Una volta che hai un gusto per il successo nei Classici, non è difficile andare a casa e allenarsi’

A novembre il proprietario del team millionaire Rick Delaney ha detto a Cycling Weekly: “Il fatto è che ogni singolo pilota che era sotto contratto è stato pagato per 2018 e ogni pilota che era sotto contratto per 2019 ha trovato qualcos’altro o, nel caso di Conor Dunne, ho sostenuto.”

Ma l’UCI ha confermato che la garanzia non era sufficiente a coprire i pagamenti in sospeso dovuti a piloti e personale: “L’intero importo detenuto dall’UCI è stato distribuito secondo il Regolamento UCI. Possiamo anche confermare che la garanzia bancaria non era sufficiente a coprire tutti i crediti e che gli importi erano distribuiti proporzionalmente tra i piloti e i membri del personale. In tali casi, l’UCI ha rinunciato alla maggior parte delle sue normali commissioni dovute ai sensi dei suoi regolamenti.”

Ha aggiunto: “L’UCI può anche confermare che sta perseguendo la squadra e i garanti del benessere finanziario della squadra per l’intero importo dovuto ai piloti e al personale, le tasse non pagate dovute all’UCI e i contributi non pagati dovuti alla Fondazione antidoping del ciclismo.”

L’organo di governo dello sport non ha elaborato l’importo dovuto, ma una fonte ex squadra ha detto che la maggior parte dei piloti erano dovuti somme “a migliaia”. Delaney ha rifiutato di commentare.

Confessione di doping

La notizia arriva come l’unico vincitore della gara WorldTour della squadra Stefan Denifl, che ha vinto una tappa di montagna della Vuelta
a España in sella per Aqua Blue nel 2017, ha confessato di doping di sangue. Secondo un rapporto del quotidiano austriaco Tiroler Tageszeitung, Denifl è stato arrestato in relazione a una lunga indagine sul medico tedesco Mark Schmidt e il pubblico ministero austriaco ha detto che il 31enne aveva confessato il doping del sangue in un’udienza lo scorso venerdì.

La scorsa settimana, la polizia ha perquisito 16 proprietà e arrestato nove persone in relazione al doping del sangue nei Campionati del mondo di sci nordico in Austria. Le riprese video sono emerse dopo che i raid hanno mostrato lo sciatore austriaco Max Hauke presumibilmente interrotto dalla polizia nel bel mezzo di una trasfusione di sangue.

Denifl ha iniziato la sua carriera con il Pro Continental team Vorarlberg nel 2006 e ha guidato per Cervélo Test Team, ELK Haus-Simplon, Leopard-Trek, Vacansoleil-DCM e I Cycling prima di entrare in Aqua Blue nel 2017.

Denifl doveva trasferirsi nel nuovo team CCC per il 2019, ma a dicembre il team ha annunciato che stava rescindendo il suo contratto a causa di “motivi personali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top