Artrite reumatoide: come l’infiammazione cronica colpisce il cervello

“In un’analisi teorica del grafico su tutta la rete cerebrale e correlandola con i livelli di infiammazione, abbiamo visto molta convergenza tra metodi e punti temporali per la quantità di connettività nel lobulo parietale inferiore e nella corteccia prefrontale mediale”, spiega Kaplan, un ricercatore di anestesiologia presso Michigan Medicine.

Il lobulo parietale inferiore è un’area del cervello che si trova all’intersezione tra le cortecce visive, uditive e somatosensoriali. È la chiave nell’elaborazione visuospaziale.

Il ruolo della corteccia prefrontale mediale non è così chiaro. Alcuni scienziati suggeriscono che ci aiuta a prendere decisioni e recuperare informazioni dalla nostra memoria a lungo termine, mentre altri credono che ci aiuti a consolidare nuovi ricordi a breve termine.

Parlando dei risultati, Kaplan afferma che ” ci hanno mostrato che il cervello non funziona in isolamento.”

” ha anche dimostrato come l’infiammazione che misuriamo nella periferia possa effettivamente alterare le connessioni funzionali nel cervello e svolgere un ruolo in alcuni dei sintomi cognitivi che vediamo nell’artrite reumatoide.”

Chelsea Kaplan

In effetti, molte persone con artrite reumatoide hanno riferito di avere una” nebbia cerebrale”, rendendo difficile per loro pensare, concentrarsi e imparare cose nuove.

Gli studi supportano questa evidenza aneddotica, confermando che esiste un deterioramento cognitivo “significativo” nell’artrite reumatoide.

L’autore dello studio Neil Basu, Ph. D., dell’Università di Aberdeen nel Regno Unito, afferma: “Mettendo in relazione queste misure avanzate di neuroimaging con l’esperienza del paziente, forniamo la prova che il futuro targeting delle vie infiammatorie centrali può migliorare notevolmente la qualità della vita dei pazienti con artrite reumatoide.”

“Questi dati intriganti supportano l’idea che l’infiammazione dell’artrite reumatoide si rivolge al cervello e non solo alle articolazioni.”

Neil Basu, Ph. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top