10 Libri splendidamente scritti

Dopo una settimana elettorale difficile, stiamo girando verso l’interno per un po ‘ di tempo per elaborare tutto ciò che è. E il bisogno di bei libri con la scrittura che ti colpisce nel cuore si sente come una necessità che afferma la vita in questo momento. Qui ci sono dieci racconti con la scrittura che è sicuro di afferrare di voi.

Never Let Me Go di Kazuo Ishiguro

Un collegio nella campagna inglese e tre ex studenti che crescono per imparare cosa sia veramente l’essere umano.

“Continuo a pensare a questo fiume da qualche parte, con l’acqua che si muove molto velocemente. E queste due persone nell’acqua, cercando di aggrapparsi l’una all’altra, aggrappandosi più forte che possono, ma alla fine è semplicemente troppo. La corrente e ‘ troppo forte. Devono lasciarsi andare, allontanarsi.”

Il dio delle piccole cose di Arundhati Roy

Gemelli le cui vite sono influenzate quando la loro famiglia attraversa ” le leggi che stabiliscono chi dovrebbe essere amato e come. E quanto.”

” La storia era come una vecchia casa di notte. Con tutte le lampade accese. E l’antenato che sussurra dentro. Per capire la storia, dobbiamo entrare e ascoltare quello che dicono. E guardare i libri e le foto sul muro. E annusa gli odori. Ma non possiamo entrare, perché siamo stati chiusi fuori. E quando proviamo ad ascoltare, tutto quello che sentiamo è un sussurro. E non possiamo capire il sussurro, perché le nostre menti sono state invase da una guerra. Una guerra che abbiamo vinto e perso. Il peggior tipo di guerra. Una guerra che cattura i sogni e li ri-sogna. Una guerra che ci ha fatto adorare i nostri conquistatori e disprezzare noi stessi.”

Cent’Anni di Solitudine di Gabriel García Márquez

le fortune e Le disgrazie di sette generazioni della famiglia Buendía.

” Mi basta essere sicuro che tu ed io esistiamo in questo momento.”

The Poisonwood Bible di Barbara Kingsolver

Una famiglia missionaria si trasferisce dalla Georgia degli anni ’50 all’Africa postcoloniale.

“Ho tentato brevemente di consacrarmi nella biblioteca pubblica, credendo che ogni crepa nella mia anima potesse essere piegata con un libro.”

Tutta la luce che non possiamo vedere di Anthony Doerr

Una ragazza francese cieca e un ragazzo tedesco si incrociano nella Francia occupata durante la seconda guerra mondiale.

“Risorgiamo nell’erba. Nei fiori. Nelle canzoni.”

Il leopardo delle nevi di Peter Matthiessen

Il commovente racconto del pellegrinaggio di cinque settimane di Matthiessen attraverso l’Altopiano tibetano in Himalaya e la sua ricerca del leopardo delle nevi.

“Il segreto della montagna è che le montagne esistono semplicemente, come me stesso: le montagne esistono semplicemente, cosa che io non faccio. Le montagne non hanno ‘significato’, sono significato; le montagne sono. Il sole è rotondo. Suono con la vita, e le montagne suonano, e quando posso sentirlo, c’è un suono che condividiamo. Capisco tutto questo, non nella mia mente ma nel mio cuore, sapendo quanto sia privo di significato cercare di catturare ciò che non può essere espresso, sapendo che rimarranno solo parole quando lo leggerò di nuovo, un altro giorno.”

So perché l’uccello in gabbia canta di Maya Angelou

L’autobiografia poetica, ispiratrice e straziante di Maya Angelou.

“Essere lasciati soli sulla fune dell’inconsapevolezza giovanile è sperimentare la straziante bellezza della piena libertà e la minaccia dell’eterna indecisione.”

Le onde di Virginia Woolf

Le storie di sei bambini dalla nascita alla morte, che sono misteriosamente uniti da un settimo figlio invisibile di nome Percival.

“C’era una stella che cavalcava le nuvole una notte, & Dissi alla stella: ‘Consumami’.”

White Oleander di Janet Fitch

La storia di formazione della giovane Astrid che affronta la sua vita difficile mentre si trova in una serie di case adottive.

“Impara sempre le poesie a memoria. Devono diventare il midollo delle tue ossa. Come il fluoro nell’acqua, renderanno la tua anima impermeabile al morbido decadimento del mondo.”

Città invisibili di Italo Calvino

Navigare tra memoria, desiderio e disegni nascosti delle città attraverso gli occhi di un esploratore, Marco Polo.

“Arrivando ad ogni nuova città, il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva di avere: l’estraneità di ciò che non sei più o non possiedi è in agguato per te in luoghi stranieri e non posseduti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top